Feed RSS

Macaron

Era da tempo che volevo cimentarmi nella preparazione di questi “fotogenicissimi” dolcetti francesi. Mi spaventava un po’ l’idea di farli perché immaginavo richiedessero un forno sicuramente migliore di quello cui dispongo adesso. Ho seguito invece dei piccoli accorgimenti che ho trovato davvero utili e che condividerò con voi. Per quanto riguarda il sapore, questi fragilissimi dolcetti sono ideali per l’ora del te. Hanno un sapore così delicato che si scioglie in bocca, morbidi e dolci al punto giusto. Sono un’idea molto carina per un regalo se conservati in un barattolino di vetro o in una graziosa scatolina.

INGREDIENTI

(Per circa 25 macaron e una 50ina di cialdine)

3 albumi a temperatura ambiente

50 gr di zucchero

200 gr di zucchero al velo

120 gr di farina di mandorle

1 pizzico di sale

1/2 cucchiaino di cremore di tartaro

PER LA CREMA AL BURRO E LAMPONI

120 gr di burro morbido

75 gr di zucchero al velo

150 gr di lamponi

PROCEDIMENTO

Con l’aiuto delle fruste elettriche o di un robot da cucina montare a neve gli albumi, i 50 gr di zucchero e la puntina di cremor tartaro. Il cremor tartaro lo trovate facilmente in farmacia, se non lo trovate potete anche ometterlo e non succederà nulla. E’ molto importante che le uova siano a temperatura ambiente. Montateli per almeno 10 minuti, finchè non diverranno ben sodi. Fate la prova girando la ciotola per vedere se restano fermi. A questo punto aggiungiamo il colorante. Io ho usato quello in gel, aggiungetene una goccina per volta in modo da regolarvi bene con il colore. Considerate che in forno tenderanno a perdere un po’ di colore. Setacciamo la farina di mandorle e lo zucchero insieme. Non omettete questo passaggio perché più fine sarà la farina e meno si romperanno le meringhe. Buttate via i pezzetti grossi che risulteranno dopo aver usato il setaccio. Se non trovate la farina di mandorle, potete crearla voi macinando molto finemente delle mandorle in un robot da cucina. Vi consiglio di utilizzare quelle già spelate. Aggiungiamo ora la farina setacciata con lo zucchero agli albumi. Utilizzate una spatola e fate dei movimenti lenti dall’alto verso il basso, come quando si vuole fare il pan di spagna. Fate in modo da non smontare gli albumi e non mescolate troppo. L’impasto dovrà risultare cremoso e corposo. E’ arrivato il momento di dare forma ai nostri dolcetti. La cosa più difficile è farli tutti della stessa grandezza. Se desiderate che siano tutti precisi, potete disegnare su un foglio dei crerchi con un compasso tutti della stessa grandezza. Il diametro dovrà essere poco più grande di una moneta da due euro. O se preferite potete farli anche più grandi. Ponete il foglio sulla teglia sotto la carta forno in modo che potrete facilmente intravederne i contorni. Riempite un sac à poche con l’impasto, utilizzando un beccuccio liscio e create delle meringhe, seguendo prima il perimetro e poi riempiendo l’interno. Non mettete troppo impasto. Dopo che li avrete riempiti tutti. Sfilate con attenzione il foglio dalla carta forno e passate all’altra teglia. Ci sono adesso due accorgimenti molto importanti affinchè i macaron non si rompano in superficie. Il primo consiste nello sbattere la teglia due volte in un senso e due volte nell’altro in modo da far fuoriuscire l’aria dall’impasto e l’altro è quello di lasciar riposare per almeno 30 minuti le meringhe prima di infornarle. La ricetta dice di cuocerli a 180° per 20 minuti. Per il mio forno sono bastati 10 minuti. Quindi controllate bene. Quando saranno cotti lasciateli raffreddare prima di staccarli dalla carta forno. Sono molto delicati e potrebbero rompersi nel tentativo di farlo, vi consiglio quindi di tirare la carta anzichè la meringa.Nel frattempo prepariamo la crema. Schiacciamo in una setaccio i lamponi e ricaviamone un po’ di succo. Potete anche frullarli con il minipimer l’importante e che li passiate al setaccio per rimuovere i semini. Montiamo lo zucchero e il burro morbido con delle fruste elettriche o in un robot da cucina. Dopo aver ottenuto una crema liscia aggiungete poco alla volta tre o quattro cucchiai di succo di lampone e continuate a mescolare con le fruste. Fate attenzione che i lamponi non siano freddi di frigorifero o il burro potrebbe separarsi. A questo punto non ci resta che unire le nostre meringhe. Prendete un guscio e con l’aiuto di una spatola o di un sac à poche mettete un po’ di crema al burro, poi adagiate sopra un altro guscio, senza schiacciare troppo e così via fino a terminare tutti i gusci.

434 1 436 1

 

 

Annunci

Informazioni su Mariarca Guglielmo

Una napoletana atipica a cui piace il freddo e il rumore della pioggia. Con la passione per la cucina, la fotografia, il reiki e tutto ciò che richieda creatività. Resto spesso nel mio mondo, mi sono sempre sentita come in una bolla di vetro, quelle che quando le capovolgi scende giù la neve.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: