Feed RSS

Manfredi con la Ricotta

Ecco un tipico piatto della domenica partenopea. La domenica a Napoli si fa o’ raù e a metà mattina si fa merendina pre pranzo con la fetta di pane cafone e il sugo “a sarz”. Molto spesso si mescolano insieme i due unici sapori del sugo, con quello della ricotta fresca in un connubio incredibile. Il tipo di pasta ideale sono i manfredi. Non saprei le varie marche come chiamano questo tipo di pasta, la de cecco forse le chiama tripoline. Si tratta insomma di una sorta di tagliatella con i lati smerlati come una lasagna riccia. Poca importa però perché in questa ricetta le faremo a mano. Per la pasta ho utilizzato un mix tra le due farine e un solo uovo perché non volevo fare una pasta all’uovo. Per il ragù invece ho usato un sugo semplice senza l’uso di carne perché non ne mangio. Se invece voi preferite potete fare un ragù di carne, ma attenzione perché il ragù napoletano non prevede l’utilizzo della carne macinata ma di vari pezzi di carne tra cui le tracchiulelle. Un sugo diciamo alla bolognese unito alla ricotta non avrebbe lo stesso effetto.

INGREDIENTI

(Per la pasta)

150 gr di farina 00

150 gr di farina di grano duro

1 uovo

acqua q.b.

1 pizzico di sale

(Per il condimento)

2 cipolle medie bianche

1 litro di passata di pomodoro

olio q.b.

basilico

parmigiano

1/2 kg di ricotta di pecora

PROCEDIMENTO

Setacciamo le due farine e facciamo la fontana. Rompiamo al centro l’uovo e il pizzichino di sale. Cominciamo ad impastare dal centro e poi man mano aggiungere tanta acqua fino a far risultare un impasto liscio e compatto. Stendere la sfoglia con un matterello oppure con la macchinetta per la pasta. Alcune macchine hanno anche il formato per tagliare la pasta con i bordi smerlati. In quel caso il gioco è fatto, in caso contrario invece io ho fatto così. Stendere la pasta il più sottile possibile con il matterello. Con l’aiuto di una rotellina dentata tagliare tante striscioline di pasta nel senso della lunghezza. Lasciatele asciugare su di un piano per almeno un paio d’ore. Nel frattempo prepariamo il sugo. Sminuzziamo le due cipolle e mettiamole in una pentola con po’ d’olio d’oliva. Facciamo soffriggere la cipolla che se tagliata finemente comincerà a sciogliersi. Quando le cipolle si saranno imbiondite versiamo la passata di pomodoro. Aggiungiamo un pochino d’acqua un pizzico di sale e lasciamo cuocere a fuoco lento rimestando di tanto in tanto. Cuociamo la pasta in una pentola abbastanza larga in acqua salata bollente. Come ogni tipo di pasta fresca anche i manfedi saliranno a galla quando saranno cotti. Per evitare che si attacchino tra di loro versiamo un goccino d’olio nell’acqua. Prima di calare la pasta però aggiungiamo alla ricotta un paio di mestoli di sugo e stemperiamo per bene. Quando la pasta sarà cotta versiamo direttamente nella pentola metà del sugo-ricotta e 3 quarti di ragù, aggiungiamo il parmigiano e mescoliamo. Servire con una cucchiata di sugo-ricotta sulla cima e una di ragù. Un’altra spolverata di parmigiano e una fogliolina di basilico. Che bontà!!!!

tagliatelle ricotta tagliatell 4 tagliatelle 2 tagliatelle taliatelle 3

 

Annunci

Informazioni su Mariarca Guglielmo

Una napoletana atipica a cui piace il freddo e il rumore della pioggia. Con la passione per la cucina, la fotografia, il reiki e tutto ciò che richieda creatività. Resto spesso nel mio mondo, mi sono sempre sentita come in una bolla di vetro, quelle che quando le capovolgi scende giù la neve.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: