Feed RSS

Strudel di mele

L’idea di fare lo strudel è partita da un’immagine che avevo visto sul web, su come richiudere in maniera simpatica gli strudel dolci e salati. La ricetta è quella dello strudel classico, con delle piccolissime modifiche. Ho sostituito ad esempio le mandorle con i pinoli e  ho sostituito al pan grattato e al burro per coprire il fondo con una bella manciata di zucchero.

INGREDIENTI

250 gr di farina

100 ml di acqua

2 cucchiai di olio

1 pizzico di sale

1 uovo medio

PER IL RIPIENO

4 mele medie

cannella q.b.

2-3  cucchiai di zucchero

succo di un limone

50 gr di mandorle sgusciate e tostate

100 gr di uvetta

Ancora qc cucchiaiata di zucchero per il fondo

PROCEDIMENTO

Fare la fontana con la farina mettere al centro l’uovo, il sale e l’olio. Impastare energicamente il composto per almeno una ventina di minuti fino ad ottenere una palla liscia e compatta. Spennellare con un po’ di olio e mettere l’impasto a riposare su di un piatto coperto con pellicola trasparente, per almeno 1 oretta in un luogo fresco e asciutto.

Tagliare le mele a piccole fettine sottili e metterle in una ciotola insieme al succo di limone e lo zucchero. Stendere l’impasto in una sfoglia piuttosto sottile, dandole la forma di un rettangolo. A questo punto fate dei tagli lateralmente, lasciando al centro lo spazio sufficiente per mettere il ripieno. Così come nella foto:

Prima di mettere il ripieno cospargiamo il fondo con un po’ di zucchero. Mettiamo quindi le mele facendo attenzione a non versare anche il succo di limone. Cospargere con l’uvetta, le mandorle e una spolverata di cannella.

A questo punto viene la parte divertente, richiudere il nostro strudel a mo’ di trecciona francese. Avvicinate il primo lembo di pasta all’imbottitura, poi tirate verso di esso il lembo dall’altra parte e così man mano, come nella foto:

Infornate lo strudel su una teglia con un foglio di carta forno a 200 ° per 40 minuti. La ricetta diceva di cospargerlo con il burro fuso prima di infornarlo e di spolverizzarlo ancora caldo di zucchero al velo. Ma io ho saltato questi ultimi due passaggi per non esagerare.

Servire lo strudel caldo con due palline di gelato alla vaniglia… attenti a non ustionarvi il palato 😛

 

 

 

Informazioni su Mariarca Guglielmo

Una napoletana atipica a cui piace il freddo e il rumore della pioggia. Con la passione per la cucina, la fotografia, il reiki e tutto ciò che richieda creatività. Resto spesso nel mio mondo, mi sono sempre sentita come in una bolla di vetro, quelle che quando le capovolgi scende giù la neve.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: